Disintossicarsi con lo stinco

Blog di antropologia del cibo

Disintossicarsi con lo stinco

stincoMa si può disintossicarsi con lo stinco di maiale, magari affumicato? Direi proprio di no. Ma siccome ho una storia da raccontare vi dico che non possibile ma è probabile. La differenza c’è ed è sottile direi quasi inesistente. Io amo, da buon siciliano l’Alto Adige ed almeno una volta l’anno sento la necessità di ritornarci. Molto tempo fa, ma molto tempo fa, quando ero giovane e vivevo nell’illusione del Teatro, abbiamo, con la mia compagnia di sperimentazione teatrale dell’università di Urbino, accettato l’incarico dal Comune di Bolzano di allestire uno spettacolo insieme agli ospiti della casa di cura per anziani del Comune. Abbiamo soggiornato e lavorato inseme agli anziani per circa tre mese ed è li che ho conosciuto lo Stinco di maiale affumicato. Un amore a prima vista. Essendo sempre stato un cultore della sana alimentazione, ogni volta era un rimorso. Fino a quando non ho scoperto un modo per renderlo meno crudele all’organismo: accoppiarlo all’Orzo un cereale puro e casto, usato nell’alimentazione per disintossicarsi. Naturalmente si tratta di una rocambolesca retorica con poco logica e tanta materia grassa, ma quanto meno quieta i miei sensi di colpa.

[puregallery exclude=”1270″ order=”asc” orderby=”menu_order”]

Zuppa D'orzo e Stinco

By 06/01/2013

Devo ad una mia amica di Bolzano questa ricetta che per la prima volta me lo ha fatto assaggiare. E' una tipica zuppa del Trentino Alto Adige che di solito prevede lo speck, questa versione usa lo stinco (di Santo) che la rende veramente speciale. Questa che segue è la versione Light, con lo stinco sgrassato (opzione).

  • Prep Time : 60 minutes
  • Cook Time : 30 minutes
  • Yield : 8

Ingredients

Instructions

  1. Immergete lo stinco in abbondante acqua e fatelo cuocere 30 minuti dal bollore insieme ad una carota, una foglia di sedano una cipolla e le foglie di alloro.
  2. A questo punto siete ad una svolta: potete utilizzare il brodo così com'è oppure lasciarlo raffreddare  e sgrassarlo. Quest'ultima operazione va fatta il giorno prima.
  3. Estraete il vostro stinco e privatelo delle parti più grasse.  Siete arrivati alle seconda drammatica scelta. Potete prendere solo la parte magra, aggiungere la cotica oppure lasciare tutto compreso il grasso.
  4. Qualsiasi sia la vostra scelta separiamo la carne dall'osso e tagliamola a dadini.
  5. Ributtiamo l'osso nel brodo e continuiamo la cottura.
  6. Nel frattempo sminuzzate e soffriggette in 50 g di burro lentamente la cipolla in una capiente casseruola
  7. Aggiungete la carne dello Stinco e girate
  8. Tagliate a dadini Carote, Patate, Sedano, Zucchine ed aggiungete al soffritto
  9. Rosolate bene ed aggiungete l'Orzo Perlato prima lavato in acqua corrente
  10. Appena incomincia ad asciugare versiamo un mestolo di brodo precedentemente preparato, che nel frattempo abbiamo portato in ebollizione insieme all'osso dello stinco
  11. Portiamo in cottura l'Orzo continuando a bagnarlo con il nostro brodo di stinco
  12. Facciamo asciugare l'orzo fino a renderlo denso.
  13. Continuiamo la cottura con il latte, che aggiungerete a poco a poco
  14. Pepe e noce moscata a piacere
  15. Infine spegniamo e lasciamo coperto. Il tempo farà il resto. Io faccio passare anche un giorno, ma è buono anche dopo 15 min.
  16. Prima di servirlo riscaldarlo con burro e se necessario aggiungere altro latte
  17. Guarnirlo con aneto e servirlo bollente in tazza
Print

 

Print Friendly, PDF & Email
close
abbabbaFOOD.com di Salvo Nicastro is Spam proof, with hiddy
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.