Autore: Salvo Nicastro

Blog di antropologia del cibo

Come è dolce questo amaro

Io odio i francesismi in cucina sono amari. Lo so, e non sono un nazionalista tutt’altro. Ma c’è qualcosa che non ho digerito, sarà stato il dolce? Perché la Gioconda sta al Louvre? Perché i cavalli di san Marco stanno in Francia? Lo so è difficile chiederne la restituzione, direi anche assurdo perché i Francesi…
Leggi tutto

Pani Cunzatu

“Pani cunzatu“, semplicemente pane condito, è uno dei miei “comfort food” dell-infanzia. Ricordi dei profumi della farina di Maiorca, il lievito madre, il pane nel letto a lievitare sotto le coperte d-inverno, il forno a legna con frasche d-ulivo, mia mamma, mia nonna, mio padre, miei tutti. Il pane appena sfornato, dal profumo indescrivibile, aperto…
Leggi tutto

Al-badigian: Parmigiana di Melanzane

Anticipiamo l’estate e le polemiche sulle Melanzane alla Parmigiana o Parmigiana di Melanzane. La differenza non è sottile ma piuttosto profonda, c’è di mezzo il mare. La storia è fatta dai libri e sembra che il primo che ne abbia descritto la ricetta sia stato un Napoletano. Per l’esattezza Ippolito Cavalcanti che nel 1839, nel…
Leggi tutto

Sciakisciuka è.

è il nome di una ricetta che si trasforma in più e più ricette Sciakisciuka è una ricetta tipica dell’isola di Pantelleria, una specie caponata di verdure preparata con ingredienti che si trovano nell’orto, arricchita con quello che c’è in dispensa, uova o pesce e con i profumi tipici siciliani. E’ il piatto emblema del ristorante, la…
Leggi tutto

Un ermafrodite in cucina: Arancino o Arancina?

Arancino o Arancina? Nella parte occidentale dell’isola questa specialità è conosciuta come “arancina”, mentre nella parte orientale è chiamata “arancino”. L’arancino/a è stato importato dagli arabi che erano soliti mangiare con le mani riso e zafferano condito con erbe e carne. Quando i siciliani hanno visto mangiare il riso con le mani con al centro…
Leggi tutto

Pepata di frutti di mare stupefacente

….il mare che ci circonda con lo schiumare ci porta dentro nel cuore una freschezza che talvolta appassiona senza sentimento alimenta la tratta anteriore dello specifico umano mentre il vento lo scuote dentro  e fuori tra gli abbracci delle onde ed il frastuono del vento ci porta via pensieri di sale appassite aride scontate irrisorie certezze travolte da pensieri non respiro sotto…
Leggi tutto

Tradizione, tracciabilità e sostenibilità sociale e ambientale

Nonostante le nuove sperimentazioni in cucina e le contaminazioni con altre culture gastronomico con il genere “fusion“, ciò che attira in maniera marcata i consumatori italiani al ristorante è la tradizione. Il 50% degli intervistati da Fipe, infatti, cerca un’ampia offerta di prodotti del territorio, preparati con ricette classiche ma non solo.Il 90,7% dei clienti confessa di essersi fatto tentare da piatti…
Leggi tutto

Sciakisciuka, la caponata siciliana da “melting pot”

La cucina mediterranea non è solo cibo ma è soprattutto cultura, stile di vita. Sciakisciuka è caponata siciliana. Troviamo spesso nelle parole del cibo un viaggio attraverso la storia e la cultura, un itinerario simbolico, di suoni, personalizzazioni fonetiche ed appropriazioni di etnie che raccontano la storia di una cultura, segni di condivisione e scambi.…
Leggi tutto

Orecchiette arse: vongole, broccoli e bottarga

Le orecchiette di grano “bruciato” o “arso” sono fatte con una farina che racconta la storia povera e faticosa dei nostri contadini del Sud. Bruciato come le vite dei nostri padri, arso come il desidero di riscatto dei figli. Una vita di stenti e di sopravvivenze, un duello con la natura capricciosa, generosa ed avara.…
Leggi tutto

Sarde a beccafico una metafora perfetta

Beccafico è un uccello canoro che vive in tutta europa, ma durante i mesi invernale si sposta sulla fascia del mediterraneo.  Questi simpatici uccelli dal facile cinguettio erano uno dei piatti prelibati dei nobili siciliani potendosi permettere la supponenza di un fucile. Essendo un bene alimentare di lusso inavvicinabile per la povera gente, qualcuno pensò…
Leggi tutto

Tenerezze estive di Tenerume

Era estate era tempo di Tenerume e Tenerezze. Che voglia di tenerezze, di qualcuno che ti tocca con le mani, con la vista, con le parole, con il cibo, non importa. Abbiamo bisogno d’amore per “sentirci”. Perché “sentirci” è una necessità di vita. Ci sono tanti modo per “sentirci” dentro. Ci sentiamo quando qualcuno ci tocca e circoscrive il nostro corpo con…
Leggi tutto

Maccu di fave di Leonforte e borragine selvatica con Polpo arrostito

Tutta questione di aria, l’idiosincrasia della Scuola Pitagorica verso le Fave. Anche perché è ben noto che il filosofo è stato il primo vegetariano della storia e le fave per un vegetariano sono una fonte importante di proteine. Le teorie  più accreditate parlano del filosofo come affetto da favismo. Le fave erano ritenute impure in quanto producono una eccessiva decomposizione…
Leggi tutto

Cous Cous alla regina di Saba

Il cuscus  è la sabbia nel deserto, è la seduzione della mano, la delicatezza dei movimenti, la lentezza del tempo che dura una vita, il piacere duttile e sensuale del gesto, un gesto religioso.Probabilmente il termine che più simboleggia la ritualità gastronomica del cuscus è l’aspersione. Una parola dal grande significato sacrale che simboleggia la…
Leggi tutto

Timballo al Miglio.L’umiltà del Miglio cibo per volatili

L’umiltà del Miglio cibo per volatili, per popoli poveri e gente ricca con malesseri metabolici. Sette come i Cereali: Frumento, Riso, Orzo, Miglio, Segale, Avena, Mais. Essi rappresentano, nella storia filosofica dell’alimentazione, il ritmo della vita biologica degli esseri umani.  Non è un caso che sette colori compongano l’arcobaleno, sette toni nella musica, sette sono i pianeti intorno…
Leggi tutto

abbabbaFOOD.com di Salvo Nicastro is Spam proof, with hiddy
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.