Una storia d’Amore: Spada con Foglia

Questa è la storia d’Amore di “U Pisci Spada”, una delle più belle canzoni di sempre, cantata da Domenico Modugno, tutte le volte mi emoziona.
Una storia d’amore drammatica  di una coppia di Pesci Spada. La femmina è stata catturata durante la mattanza “presa dritto al cuore“, “piange di dolore“, “scappa, scappa” diceva al suo amato, “mentre la barca la trascinava e il sangue scorreva“. Il maschio “sembrava impazzito” “che debbo fare?“, “scappa, scappa” con un filo di voce rispondeva la femmina.  Il maschio salta nella rete “cori a cori”  e si lascia catturare per morire insieme a lei.

Le parole e musicalità della canzone sono di una bellezza commovente ascoltatela e guardate il video.

[half] – Ah lu vitti, lu vitti! Ah, lu vitti ‘mmenzu lu mari, beddi mei…

Lu vitti, pigghiati la varca e curriti! Curriti ca l’haju vistu, beddi..
Beddi figghi dativi da fari! Ecculu ca veni! Ecculu ca veni!
Beddu, figghiu, vaj, daj, curri, pi sant’Antoniu! Curri ca l’avemu pigghiatu.. –
« Daje, daje, lu vitti, lu vitti! Pigghia la fiocina! Accídilu, accídilu, aahaaà! »

Te pigghiaru la fimminedda,
drittu drittu ‘ntra lu cori
e chiancìa di duluri
ahi ahi ahi ahi ahi ahi…

E la varca la strascinava
e lu sangu ni currìa,
e lu masculu chiancìa
ahi ahi ahi ahi ahi ahi…

E lu masculu
parìa ‘mpazzutu,
cci dicìa:
– Bedda mia nun chianciiri,
bedda mia nun chianciri
dimmi tìa chi haju ‘a fari? –

[/half] [halflast] Rispunnìa la fimminedda

cu ‘nu filu ‘i filu ‘i vuci:
– Scappa, scappa, amuri miu,
ca si no t’accidinu! –

– No, no, no,
no, amuri miu!
Si tu mori
vogghiu muriri
‘nzieme a tìa!
si tu mori
vogghiu muriri…–

Cu ‘nu sartu si truvau cu ìssa
‘ncucchiu, ‘ncucchiu,
cori a cori,
e accussì finíu l’amuri
di dui pisci sfurtunati…

« Daje, daje, lu vitti, lu vitti, lu vitti!
C’è puru lu masculu! Pigghia la fiocina! Accídilu, accídilu, aahhhà! »

Chista è ‘na storia
d’un piscispàda:..
storia d’amuri…

[/halflast]

Spada alla Foglia

By 01/03/2013

Come si fa adesso a parlare di Pesce Spada a fette comprati nel reparto Fresco del supermercato di Milano? Ho perso la voglia, per fortuna lo Spada lo abbiamo già mangiato.
Ma una riflessione la debbo fare. Pensiamo che il valore di un cibo equivale al prezzo al chilo. NO il valore è il sacrifico che la natura offre ai nostri rituali quotidiani, colazione, pranzo, cena. E' lo sforzo con cui la terra ci nutre. Rispetto e amore per tutto ciò che muore per darci vita.
Nel Pesce Spada troviamo tutte le qualità di una buona alimentazione, ricco di grassi polinsaturi come gli Omega 3, minerali quali fosforo, selenio, iodio. Una carne pregiata ricca di proteine di facile digestione, si trova  a tranci sia fresco che surgelato. Se fresco consiglio di mangiarlo tra Giugno e Agosto, perché costeggia il nostro mare mediterraneo. Va cotto appena se non vogliano che si asciughi troppo e diventi stopposo.

Ingredients

Instructions

  1. Lavate i Limoni e le loro foglie
  2. In una ciotola grattugiate la buccia
  3. Aggiungete un trito di prezzemolo
  4. Aggiungete mezzo spicchio di aglio pestato al coltello
  5. Pepe e un pizzico di sale
  6. Allungate con succo di limone
  7. Emulsionate con olio di Oliva
  8. Inumidite leggermente le fette di Spada con poco olio e sale
  9. Imbottite i lati con foglie di limone sostenute da uno stecchino
  10. Scaldate la piastra
  11. Alla massima temperatura appoggiate le fette di spada due minuti per lato
  12. Servite con l'emulsione di buccia e succo di limone, prezzemolo, pepe, aglio e Olio

    grazie Mare

Print

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Lascia un commento