Sarde a beccafico una metafora perfetta

Beccafico è un uccello canoro che vive in tutta europa, ma durante i mesi invernale si sposta sulla fascia del mediterraneo.  Questi simpatici uccelli dal facile cinguettio erano uno dei piatti prelibati dei nobili siciliani potendosi permettere la supponenza di un fucile. Essendo un bene alimentare di lusso inavvicinabile per la povera gente, qualcuno pensò bene di ricopiarlo usando un succedaneo. Dalla privazione e da una semplice Sarda nacque un piatto oggi riconosciuto ed inserito nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani.

Sarde a Beccafico alla palermitana

By 21/08/2017

Ricetta semplice e gustosa piena di sorprese ed ambiguità.

Ingredients

Instructions

  1. Pulite le Sarde: squamandole, decapitandole e deliscandole, facendo attenzione di lasciare la coda
  2. Apritele a libretto e lavate con acqua ed aceto
  3. Preparate la farcia con pane grattugiato tostato, aglio e prezzemolo tritato
  4. Aggiungete pinoli tostati e uva sultanina precedentemente ammollata
  5. Salate leggermente e pepate
  6. Amalgamate con dell'olio d'oliva e succo di limone
  7. Distribuite su ogni Sarda un pò di composto ed arrotolatela su se stessa
  8. Sistemate gli involtini con la coda in alto su una pirofila separate da foglie di alloro
  9. Infornate a 180 gradi per 5 minuti
  10. Servite tiepide o fredde irrorandole con un pò di citronette (limone e olio emulsionati)
Print
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Lascia un commento