Amore mio, ti posso grattare?

Io amo la granita di limone, è tutta la mia vita, devo a lei i manubri dell’amore, adesso un pò salvagente, che mi porto dietro da una vita. Tutta colpa degli Arabi se porto 10 kg in più a spasso. Colpa di quel letale sherbet, la bevanda ghiacciata aromatizzata con succhi di frutta o acqua di rose, che arriva l’indimenticabile granita in sicilia. Acqua, limone e zucchero. Il ghiaccio raccolto e conservato nelle niviere, costruzioni ipogee in pietra in estate, veniva prelevato per poi essere grattato e ricoperto di sciroppi di frutta o di fiori. Questa preparazione rimase diffusa fino al primo Novecento col nome di rattata (grattata). Ed è qui che mi voglio fermare a grattare la mia granita acqua, limone e zucchero. Scratch, Scratch, Scratch, Scratch la mattina per colazione appena alzato, con già 30 gradi all’ombra di un carrubo solitario. Amore mio, ti posso grattare?

Granita di Limone

By 20/06/2015

Ingredients

Instructions

  1. sciogliete lo zucchero nell'acqua
  2. aggiungete il succo di limone
  3. mettete nel surgelatore
  4. una volta congelato grattate con un cucchiaio
  5. se volete raffinarla passatela al mixer
Print

Lascia un commento